Author

Categoria

Condividi

Albano Carrisi, 76, e la figlia Jasmine, 18, avuta dalla compagna Loredana Lecciso, posano insieme nella tenuta di Cellino San Marco per il settimanale Oggi. E lui racconta tutto di sé – FOTO ESCLUSIVE | VIDEO 1  | VIDEO 2  | VIDEO 3

Parla Albano Carrisi: “Con Romina Power è stato un amore a prova di bomba” – ESCLUSIVO

GIORNI DI VENDEMMIA – In questi giorni di vendemmia, Al Bano ha messo da parte per un attimo i suoi impegni canori e segue da vicino la raccolta nella sua tenuta di Cellino. Con lui c’è la figlia più giovane Jasmine. E noi li abbiamo raggiunti.

Parla Albano Carrisi: “Romina Power e Loredana Lecciso? Meglio tenerle a migliaia di chilometri di distanza…” – GUARDA

Al Bano, com’è questa vendemmia 2019? «Grazie a Dio buona, ma non canto vittoria finché non c’è il prodotto. Basta una grandinata che tutto può essere distrutto, il clima è cambiato, è tutto così imprevedibile… Abbiamo avuto un mese di maggio che sembrava novembre, un giugno che sembrava agosto, mah».

Albano Carrisi, Michelle Hunziker, Simona Ventura, Milly Carlucci e tantissimi altri: quanti vip per gli 80 anni di Oggi! – GUARDA

Come nascono i tuoi vini? «Dissi a mio padre mentre partivo per Milano come emigrante: “Sappi che tornerò e farò una cantina con un vino che avrà il tuo nome”. Lui replicò che avevo troppi sogni per la testa. Invece nel 1973 inaugurai la mia prima piccola cantina e mio padre mi disse: “Ce l’hai fatta!”. Gli dedicai il mio primo vino, don Carmelo, e poi sono nati tutti gli altri. Felicità è un bianco buonissimo e la cantina è diventata sempre più grande. Ho costruito negli anni il resort, con le piazze dedicate agli amici: piazza Pippo Baudo, piazza Sophia Loren, piazza Felicità, piazza Cuore, piazza Celentano. E poi due ristoranti, una spa, 50 camere dove gli ospiti possono vivere un’esperienza tra natura e sapori del Salento. Ho realizzato anche tre laghi: uno di questi ha sei isole come il numero dei miei figli. Nel resort c’è anche una chiesa sempre aperta, e naturalmente un’enoteca meravigliosa dove degustare i miei vini».

Romina Power, Barbara d’Urso, Alessia Marcuzzi e tutte le altre: le vip mai viste così nelle immagini degli archivi – ESCLUSIVO

Hai sempre amato la tua terra? «L’odiavo. Ricordo mio padre quando c’era la festa di San Marco, che per noi ragazzi era importante: prima dovevo lavorare, poi potevo andare alla festa. Questo duro periodo mi faceva venire la voglia di scappare via da questa terra. Dal 1943 al 1961 ho vissuto da una parte con la ricchezza degli affetti della mia famiglia, dall’altra con la voglia di andarmene e di non tornare mai più. Ma, una volta via, ho capito l’importanza delle mie radici, l’amore per la mia terra. E così non l’ho mai più lasciata. Ho creato il villaggio che avevo promesso a mio padre e dove abbiamo vissuto tutti insieme anni meravigliosi e dove vivo ancora oggi. Questa casa è la casa della mia famiglia. Come vedi, non ci sono separazioni tra il resort e casa mia. Chi viene qui è mio ospite».

Parla Jasmine Carrisi, figlia di Albano e Loredana Lecciso: “Nella mia famiglia allargata viviamo così…” – GUARDA

Chi è stato per te un esempio da seguire? «Oltre mio padre e mia madre, Domenico Modugno è diventato negli anni della gioventù il mio faro. Era di qui vicino. Arriva il ‘58, con la vittoria a Sanremo, e io mi nutrivo di questa incredibile realtà. Dicevo che anch’io dovevo intraprendere quella strada, dovevo arrivare a Sanremo. Erano i mei sogni di bambino e mio padre diceva che ne avevo troppi e che era la terra quella che dà il lavoro. Io mi dividevo tra campagna e scuola. Arrivato al secondo magistrale, la mia testa stava solo nella musica e nelle canzoni. Io ero nato per cantare! Pensa che nel ‘59 Modugno fece un concerto nel suo paese, c’era tutta la Puglia! Mio padre non voleva mandarmi, ma poi riuscii a convincerlo. E mentre andavo a sentire Modugno, ci fu l’eclisse di sole. Lo presi come un segno e decisi di intraprendere la via della mia vocazione canora».

Albano Carrisi, Romina Power e quell’incontro segreto al ristorante – ESCLUSIVO

Quando hai portato la prima volta Romina in questa tenuta, cosa ha detto? «Arrivammo a Cellino, allora vivevamo in paese. La portai a vedere questo bosco e le terre qui intorno, che erano allora una masseria molto grande. Mi disse: perché non compri questa bellezza? Comprai per lei. Pensa che i giornali dell’epoca titolavano: “Al Bano ha comprato un bosco per buttarlo giù e farci una villa hollywoodiana!”. Il tempo come vedi mi ha dato ragione. Io ho sempre rispettato la mia terra».

Albano Carrisi, i ladri entrano nella sua tenuta di Cellino San Marco: ecco che cosa gli hanno rubato. E non è la prima volta – GUARDA

Tu, insieme a Celentano, sei stato il primo a parlare dei problemi del nostro pianeta legati all’ambiente. «È vero. Ho comprato questa terra per conservarla al suo stato naturale con tutte le sue eccezionali meraviglie. Quando sono venuto a vivere qui con Romina, eravamo veramente isolati e piano piano abbiamo costruito tutto noi con l’aiuto di un mastro muratore. Negli Anni 70 vivere in masseria era una vergogna, mio padre all’inizio non voleva abbandonare la casa in paese per trasferirsi qui. Io ho piantato olivi, alberi e ne sono tanto orgoglioso. La verdura e la frutta che si serve nei mei ristoranti è quella coltivata nelle nostre terre».

Albano e Romina, le foto mai viste dell’archivio di Oggi – ESCLUSIVO

Facevi la vendemmia anche con Romina, lei partecipava? «Sì. Lei amava moltissimo questa campagna e i suoi frutti, i suoi colori, le sue sfumature».

Cosa significa fare la vendemmia con i tuoi figli, oggi in particolare con Jasmine? «È un rito che va conosciuto, va approfondito ed è bello, anche se è cambiato tanto dalla vendemmia di quand’ero bambino io. Si pestava l’uva, una gran fatica, ma c’era poesia. E poi noi cantavamo sempre durante la vendemmia, in ogni momento: nei campi, nelle cantine mentre s’imbottigliava».

Come ti è venuta l’idea di aprire questo resort Tenute Al Bano? «Pensa che è stata colpa degli americani. Intorno alla masseria c’erano case ridotte un po’ male. I nostri figli andarono a trovare dei loro amici nella base americana a San Vito dei Normanni, qui vicino. Era il 1975. Quando gli amici dei miei figli vennero a trovarci con i loro genitori, si innamorarono e volevano soggiornare qui. Io e Romina iniziammo a ristrutturare e siamo arrivati ad ospitare anche 50 famiglie americane diventando per loro una Little America. Da lì l’idea di aprire al pubblico per condividere questo angolo di paradiso. L’hotel si chiama Hotel Felicità».

Poche sere fa, su Rai 1, hanno celebrato la coppia Romina e Al Bano. Dopo hanno passato il film Nel sole ed è stato un trionfo di ascolti. Che effetto ti ha fatto? «Strana la vita! Pensa che nel periodo in cui passava Nel sole, un successo straordinario, il produttore diceva che con i soldi di quei grandi incassi ci giravano i film di Pasolini e altri registi».

Si dice che farai Sanremo con Romina in gara. Confermi o smentisci? «Non ci ho pensato, non ci penso a Sanremo. Però mai dire mai».

Il duetto inedito con le parole di Malgioglio però lo hai inciso con Romina? «Sì, l’abbiamo inciso ma non per Sanremo. È un brano al quale ancora stiamo lavorando ed è in fase di mixaggio».

Tu sai che se vai in gara con Romina vincete il festival, vero? (ride) «Sì, ma lo deve decidere anche Romina. Lei non ama molto il festival. O meglio, non ama le gare canore. Ha una formazione americana e non capisce la gara tra canzoni. A me la gara invece dà i brividi. Mi piace quando l’adrenalina comincia a salire».

Cristel Carrisi è di nuovo mamma: è nata Cassia… e la gioia dei nonni bis Al Bano e Romina è incontenibile – GUARDA

Sei diventato di nuovo nonno ad agosto di una bambina meravigliosa di tua figlia di Cristel. Ti ha fatto piacere che come secondo nome le abbiano dato Ylenia? «Si chiama Kassia e poi Ylenia, cosa che mi ha riempito di gioia. Cristel e Ylenia erano molto legate, ma purtroppo ognuno di noi ha un destino e al destino bisogna inchinarsi. Io l’ho combattuto, ci ho tanto provato, ma ha vinto lui. Quando sento qualcuno che si chiama come mia figlia, mi viene in mente lei (SPECIALE ). L’amore per la mia prima figlia è stato un amore immenso. Sì, mi fa tanto piacere questo omaggio che Cristel ha voluto fare alla sorella tanto amata».

Romina Power e il nuovo struggente messaggio per la figlia Ylenia Carrisi – GUARDA

Dove vivono ora i tuoi figli? «Yari ora è a Roma, sta preparando un grande documentario sulla fede; Romina junior a maggio ritorna a vivere in Italia; Cristel con la sua famiglia vive a Zagabria e mi inonda di video dei miei nipotini sul cellulare; Bido sta studiando all’estero e Jasmine è qui con me a Cellino. Studia a Lecce».

Farai una nuova tournée con Romina in giro per il mondo? «Alcune date le faccio da solo, per esempio ora parto per il Canada. Poi con Romina andremo in Australia. Sono appena tornato dal Giappone e mi spiace aver rimandato i concerti in Cina, ma presto daremo le date nuove. Cantare con Romina mi piace ancora perché, sotto quell’aspetto, tutto è rimasto come un tempo. Il tempo della felicità si è fermato, c’è la stessa emozione, lo stesso divertimento, la stessa voglia di giocare. È divertentissimo esibirmi con lei».

È vero che state preparando una nuova sorpresa tv con Romina? «Ne ho sentito parlare. Mi hanno detto che Romina sta lavorando a un programma in televisione. Il mio nuovo show si chiama invece È la mia vita e sarà trasmesso su Canale 5».

Al Bano, sei innamorato? «Sì, dei mei figli, della vita e di mia mamma che è una splendida ragazza di 96 anni».

Cosa pensi della situazione politica in questo momento? «Un mio amico mi ha mandato un report di quanti governi ci sono stati in Germania dalla guerra a oggi e quanti in Italia. La differenza è impressionante, è vergognoso. Gli italiani e il nostro Paese hanno bisogno di una politica seria, costruttiva. Invece sembra più un pollaio che una classe politica. Noi abbiamo bisogno di risorse, di gente che sappia condurre questo Paese. Non di starnazzare in tv».

Hai mai pensato di espatriare? «Quello che mi ha sempre tenuto qui è questa terra, le mie radici. Ce lo hanno proposto tante volte, di espatriare. Pensa, eravamo in America nel ‘76 e ci hanno chiesto di rimanere, di prendere la cittadinanza. Non me la sono sentita, io dovevo tornare nella mia terra. È qui che ritrovo tutte le mie energie».

Ma un bello show in tv, tu, Romina e Loredana, capiterà mai? «Mai».

Giovanni Ciacci

Share